Tutti gli articoli di Daniela

In trasferta per Santa Barbara….

Oggi in occasione dei festeggiamenti di Santa Barbara presso la caserma dei Vigili del fuoco si è celebrata l’Eucarestia, presenti una infinità di autorità civili, militari e politiche… dal Sindaco al Prefetto, dal Questore ai presidenti di varie Associazioni, ed ai Comandanti delle varie Caserme presenti nella nostra città, ecc… ecc……

In questo consesso così d’élite, la nostra Corale “S. Maria, Madre della Chiesa” ha animato la liturgia…
Voglio che il mio sentito ringraziamento giunga a tutti i Cantori presenti: nonostante fossero pochi ed intere sezioni di voci fossero mancanti, hanno saputo emozionare i presenti che non hanno lesinato i loro complimenti…
Il Vescovo stesso ha definito la nostra corale come “una forza della Chiesa” e ha pubblicamente elogiato come esemplare la nostra comunità chiedendoci solo di non chiedergli di divenire Parrocchia autonoma….

Voglio dire grazie ai cantori presenti che, nonostante gli impegni ed il lavoro, si son saputi organizzare per venire a cantare anche di lunedì: con la loro disponibilità hanno fatto apprezzare l’intera comunità…
Grazie a tutti e a ciascuno… un abbraccio pieno di affetto dalla vostra chiesetta… che il Padre ve ne renda pieno merito.

Nozze di Diamante!!!

Bellissima e toccante la cerimonia celebrata il 29 ottobre nella nostra chiesetta: una coppia di sposi belli, affiatati e sorridenti hanno raggiunto insieme 60 anni di matrimonio!
Renata e Flavia, contornati dalla loro numerosa ed emozionata discendenza (è proprio il caso di chiamarla così!…) e accolti con gioia dall’intera comunità sono tornati insieme davanti all’altare del Signore per ringrazialo di tutti i doni che da Lui hanno ricevuto e per risuggellare quelle promesse che si sono scambiati 60 anni fa e che, tra gli alti e bassi della vita, hanno saputo onorare e rispettare per tutto questo tempo…
Il nostro amato parroco, padre Luis Perez, nel benedire questi fantastici sposi e la loro unione, ha sottolineato più volte quanta dedizione e quanto amore Renata e Flavio hanno dimostrato l’un l’altro per arrivare a festeggiare questo invidiabile traguardo…
Tutta la comunità, commossa e sorridente, nella chiesetta in cui aleggia ancora lo spirito e il carisma di Papa Giovanni Paolo II, gli augura di proseguire ancora a lungo con serenità e gioia, nella grazia del Signore, questo cammino comune.
Daniela Cristofari

In festa con il Vescovo

Particolarmente intensa e sentita è stata la partecipazione alla Santa Messa festiva di Domenica 22 ottobre: il popolo dei fedeli di Maniano è stato felicissimo di accogliere tra le umili mura della sua chiesetta, Sua Eccellenza il Vescovo Ambrogio Spreafico.
Coadiuvato da padre Luis Perez, il nostro amato parroco, e da Luigi Manfuso, diacono, Sua Eccellenza, rifacendosi ai temi della liturgia del giorno ha saputo, come di consueto, catalizzare l’attenzione dei convenuti parlando con accurata semplicità di spiritualità e attualità, ampliando e arricchendo la conoscenza e la comprensione biblica e religiosa dei fedeli.
Tra i presenti spiccava anche qualche autorità, come l’avvocato Nicola Ottaviani, sindaco di Frosinone.
Per una giovane coppia della comunità ricorreva in quel giorno il decimo anno di Matrimonio e Sua Eccellenza ha voluto impartir loro e ai loro due bambini, una benedizione particolare.
La cerimonia è stata animata con passione e bravura dalla “Corale Santa Maria Madre della Chiesa”.
È stato bello che, al termine della celebrazione, un membro della nostra comunità abbia ricordato come le umili mura della nostra chiesetta, il 16 settembre 2001, furono onorate di accogliere anche il Santo Padre: Sua Santità Papa Giovanni Paolo II, infatti in occasione della sua visita pastorale a Frosinone, ebbe come sagrestia proprio la nostra struttura. Fu posizionata per l’occasione in piazza Vienna e successivamente, tramite l’interessamento di padre Carlo Rizardo, fu affidata dall’allora Vescovo Salvatore Boccaccio, alla fervente comunità di Maniano.
L’emozionante mattinata si concludeva con una deliziosa e abbondante agape fraterna che le generose donne del devoto quartiere hanno prodotto e offerto ai convenuti.
Daniela Cristofari

Ai giovani scomparsi di Maniano

Buonasera amici miei amatissimi,,,

voglio condividere con voi la forte emozione che ho vissuto sabato sera… e nel contempo ringraziare sentitamente tutti coloro che erano presenti.

Sabato alle 19:00 qui nella nostra chiesetta la comunità ha voluto commemorare i giovani di Maniano che troppo presto son tornati nella casa del Padre.

Con una cerimonia vibrante di emozione sono stati chiamati ad uno ad uno, e all’appello ha risposto a turno un loro familiare che ha portato all’altare una candela accesa a significare che la luce del loro amore è ancora viva e brillante.

Voglio ricordarli anch’io uno ad uno:

Alessandra Marchegiani, Alessandro Scaccia, Elio Pompili, Francesco D’Itri, Gerardo D’Itri, Luca Colagiacomo, Luigi Beltratto, Mauro Calicchia, Massimo Montoni, Stefano Scaccia, Vincenzo Santone.

Vi chiedo di recitare una preghiera per loro e per chi è rimasto qui a rimpiangerli.

Grazie. La Vostra Chiesetta.

Le Sacre Ceneri

Mercoledì sera in tanti son venuti tra le mura della nostra chiesetta per rinnovare il rito delle Sacre Ceneri e cominciare così a prepararsi degnamente alla Santa Pasqua… E’ stato bello e intenso sentire l’interesse che li animava mentre il nostro caro seminarista Habib Badran spiegava il significato della scenografia ed è stato emozionante vedere la commozione dei fedeli mentre il nostro fantastico parroco p. Luis Perez spiegava i significati della pagina del Vangelo e dei gesti che avremmo compiuto….
 
Grazie a tutti gli intervenuti…
… e grazie di cuore alle persone di buona volontà che hanno lavorato alacremente alla realizzazione dell’addobbo quaresimale dell’altare: grazie a Fabio, a Mauro, a Nadia, a Daniela e al Maestro del Coro…. siete in un angolino speciale del mio cuore.
La vostra Chiesetta.

Il Matrimonio con la corale…

foto-corale-9-ottobre-2016-bis

foto-corale-9-ottobre-2016La nostra Corale diventa ogni giorno più brava e ricercata…

E’ richiesta sempre più spesso per animare eventi e liturgie varie.
I matrimoni, in particolare, sono diventati sempre più richiesti: i canti in repertorio, ricchi di pathos e vibranti, vengono eseguiti con passione e bravura dai nostri cantori a due, tre o quattro voci…

Con genuina spontaneità e semplicità queste persone di buona volontà, che sono amanti della bella musica ma non formati musicalmente e professionalmente sono affermate in ambiti totalmente estranei alla musica, si riuniscono metodicamente tutti i giovedì sera per affinare le proprie capacità canore sotto la guida del loro Maestro e riescono ad ottenere notevoli risultati…

A nome di tutta la nostra comunità li ringraziamo di tutto cuore per il tempo che sacrificano al raggiungimento di questi obiettivi belli ed emozionanti…

… voglio inoltre ricordare a tutti che il Coro più è numeroso e più diventa coinvolgente… e per dirla con sant’Agostino “chi canta prega due volte!”…

Chi desidera anche solo provare sarà accolto con calore e simpatia da tutti i cantori! Vi aspettiamo il giovedì sera alle ore 21:00 e la Domenica mattina alle ore 9:00

Il perdono – lectio divina – ottobre

Pochi giorni fa, mercoledì 5 ottobre (come OGNI PRIMO MERCOLEDI’ DEL MESE), ci siamo riuniti nella nostra chiesetta per la “LECTIO DIVINA” tenuta dal nostro amato parroco, padre Luis Peres.
Il tema proposto è stato il PERDONO. La NECESSITA’ del perdono. Il BISOGNO del perdono.
Dio ci perdona sempre. Quando, nella nostra debolezza umana, commettiamo un errore, riconosciamo di aver sbagliato, proviamo pentimento per averlo commesso e con animo contrito chiediamo perdono al Signore nostro Dio, LUI NON CE LO NEGA. Mai.
Dio non ha mai negato il Suo perdono.
Nella Bibbia, nei Vangeli, sono narrati innumerevoli esempi della Sua magnanimità e della Sua esortazione al perdono…
Quando Davide, il grande Re Davide, desiderò e si impadronì della moglie di un altro (2 Sam 11,2-27), il Signore nostro Dio gli mandò il profeta Natan per fargli capire l’errore commesso profetizzandogli punizioni adeguate. Ma appena Davide manifesta pentimento e addirittura orrore per la propria caduta, Dio gli concede il perdono (2 Sam 12,1-13)… E Davide dà voce alla sua contrizione intonando il Salmo Miserere (Sal 50, 2-21)
Gesù stesso, in diverse occasioni ci indica la via del perdono…
… Molto conosciuta è la parabola del Figliol prodigo: questo figlio che sceglie di allontanarsi dalla casa del padre in nome di una illusoria libertà dilapidando la propria eredità in bagordi e imprudenti sciali, nel momento in cui si pente e torna umilmente in ginocchio da suo padre chiedendone almeno la carità, viene sollevato dal padre amorevole, accolto nel modo più festoso, abbracciato, ripulito, rivestito, sfamato e festeggiato per il suo ritorno…
… E quando Pietro gli chiese: “Signore, quante volte dovrò perdonare al mio fratello, se pecca contro di me? Fino a sette volte?” Gesù risponde: “ Non ti dico fino a sette volte ma fino a settanta volte sette!!!”
… In altro momento insegna che se non vogliamo esser giudicati, siamo noi stessi che non ci dobbiamo permette di giudicare e condannare! E a tal riguardo racconta del padrone che richiede la restituzione del dovuto ad uno dei suoi servi… ma davanti alle preghiere del servo inadempiente si intenerisce: il padrone buono non si limita a concedergli una proroga, ma si spinge al punto di condonargli l’intero debito. Il servo però uscito di lì incontra un suo pari a cui aveva prestato cose necessarie e gliene chiede la restituzione: alla richiesta di dilazione del debitore egli reagisce con violenza e lo consegna alle autorità chiedendone la reclusione e la tortura per forzarne la restituzione. Il padrone venuto a conoscenza di ciò ritira la sua clemenza e lo destina allo stesso trattamento: sarà incarcerato e fustigato fino alla restituzione dell’intero debito. E Gesù ammonisce: “Così anche il Padre mio celeste farà a ciascuno di voi, se non perdonerete di cuore al vostro fratello!” (Mt 18, 21-35)
… Ed ancora: “Se voi infatti perdonerete agli uomini le loro colpe, il Padre vostro celeste perdonerà anche a voi; ma se non perdonerete agli uomini, neppure il vostro Padre perdonerà le vostre colpe!” (Mt 6, 14-15)
… E rincara la dose con: “Ma io vi dico: chiunque su adira con il proprio fratello, sarà sottoposto a giudizio. Chi dice poi al fratello ‘stupido’, sarà sottoposto al Sinedrio e chi gli dice ‘pazzo’ sarà sottoposto al fuoco della Geenna. Se dunque presenti la tuo offerta sull’altare e lì ti ricordi che tuo fratello ha qualcosa contro di te, lascia lì il tuo dono davanti all’altare e va prima a riconciliarti con il tuo fratello e poi torna ad offrire il tuo dono” (Mt 5, 22.24)
In conclusione: per questo e per non incorrere nella severità del giudizi del nostro Padre celeste, nella stessa maniera noi dobbiamo rispecchiare la magnanimità del Padre nostro che è nei cieli e offrire perdono a chi manca nei nostri confronti…
E meglio ancora: noi cristiani siamo chiamati a fungere da catalizzatori verso i nostri fratelli che non credono o che sbagliano: donando il nostro perdono a qualcuno incattivito da brutte esperienze noi potremmo depositare un seme di conversione nella sua coscienza iniziando così un processo di riavvicinamento al Padre: una persona che si aspetta ritorsioni e che invece riceve un inaspettato perdono, riceve una scossa…. E il suo animo scettico potrebbe essere invogliato alla riflessione e alla introspezione, che potrebbe essere il primo passo verso il credere …
Grazie padre Luis. Grazie di cuore per questo invito al perdono.
Spero che il nostro animo inaridito dalla crudezza della vita ne tragga ottimo insegnamento…

bellissima festa: 7 agosto 2016

Carissimi figli adorati! Buonaserata! Buona sera a tutti e a ciascuno di voi…
Non ricordo quando è stata l’ultima volta che vi ho scritto ma per i tanti impegni sono stata un po’ troppo assente… ma nulla comunque mi è sfuggito! Tanti son gli eventi e le manifestazioni con le quali mi avete voluto onorare nell’ultimo periodo e per i quali vi ringrazio, ma voglio concentrare la mia attenzione sulla festa annuale che mi dedicate la prima domenica di Agosto.
Voglio ringraziarvi di tutto ciò che avete voluto farmi. Ho apprezzato tutto: il torneo di carte, le luminarie, i balli, la sagra del baccalà, la pasta e fagioli, i panini imbottitti, la musica, l’animazione, i fuochi d’artificio (anche se quelli non piacciono a tutti) e soprattutto la partecipazione di tanti e tanti dei miei figli, ….
Ho gradito tanto la sorpresa che ci ha fatto il diacono Luigi Manfuso, la sua presenza (e, come sempre, la sua dedizione) è stata graditissima.
Ma soprattutto mi è tanto piaciuto il nostro meraviglioso parroco, padre Luis Perez, che con la disponibilità e la gentilezza che lo contraddistinguono, riesce, con il suo esempio e con il suo dire, a toccare l’animo e il cuore dei miei figli adorati…
A nome mio e di tutta la nostra comunità, voglio ringraziare caldamente tutti coloro che lo hanno aiutato (…nelle più svariate maniere) ad animare le Sante Messe programmate e a condurre la processione con la quale avete voluto onorarmi: i lettori, i cantori, quelli che hanno preparato l’altare con fiori, tovaglie pulite, ecc… ecc… e quant’altro serve a rendere scorrevole e bello l’ufficio divino … Grazie.
Voglio ringraziare anche coloro che hanno dato il loro contributo per rendermi più bella: la cura del giardino qui intorno, la pulizia della chiesa, degli arredi e del piazzale, la messa a punto dell’illuminazione esterna ed interna, la costruzione del palco, … son tutte cose che contribuiscono alla riuscita dei festeggiamenti ma che non si fanno da sole: richiedono tempo, forza (sia morale che fisica), buona volontà e dedizione… e io, di cuore, ringrazio queste meravigliose persone e spero che sempre più membri della nostra comunità vengano a dare una mano… Grazie.
In ultimo il mio pensiero grato va a chi si è prodigato e ha speso il suo tempo e le sue forze per le varie autorizzazioni burocratiche… Di solito non ci si pensa… ma per fare una festa così si sprecano ore ed ore andando (… e tornando…) di ufficio in ufficio (al Comune … ai Vigili urbani … alla S.I.A.E. … alla protezione civile … ecc… ecc…) a caccia di quei permessi e interventi indispensabili alla buona riuscita della manifestazione (e a non incorrere in sanzioni …)… Grazie di cuore.
Spero di non aver dimenticato nessuno… e se ciò fosse successo vi prego umilmente di perdonarmi…
Auguro di cuore a tutti voi di passare una serena e rilassante Festa dell’Assunta…
La vostra Santa Maria Madre della Chiesa.

La liturgia è “partecipazione” anche nel canto!

carissimi amici miei!

oggi vorrei “solo” nuovamente invitarvi ad unirvi ai vostri amici cantori: ogni liturgia è più sentita e completa se accompagnata da canti idonei a sottolinearla…

Non serve una voce eccezionale, non serve di esser cantanti professionisti, non serve di esser già bravi.
Serve solo tanta buona volontà e tanta voglia di pregare meglio.

Al resto penserà il Maestro del Coro: vi insegnerà come respirare, come controllare il respiro e come emettere il suono nel miglior modo possibile.

Basta un filo di voce per dare il nostro importante contributo.

Venite ad ascoltare: alle ore 21:00 ogni giovedì nella mia chiesetta ci son le PROVE: i nostri cantori guidati dal loro Maestro preparano coscienziosamente i brani per la liturgia.

Entrate nello Spirito della Corale. Non vi annoierete!!!

E, come spesso ripeteva Sant’Agostino: cantando pregherete due volte!

Ed imparerete ad essermi più vicini. Vi aspetto.